Board of business change: uno strumento per diventare antifragili

Secondo lo studioso Nassim Taleb, celebre per aver previsto la bolla dei subprime prima che essa avesse luogo, viviamo in un'epoca caratterizzata da un cambiamento continuo e imprevedibile di fronte al quale è necessario coltivare un atteggiamento controintuitivo riassumibile in un’unica, inedita espressione: antifragilità. Se l'acronimo VUCA (volatility, uncertainty, complexity, ambiguity) è oggi usato dai molti per provare a descrivere le caratteristiche dell'attuale contesto business, sono ben pochi a essere in grado di agirvi con un atteggiamento propositivo. È qui…...
Read More

La banca del futuro riparte da cultura e comportamenti

Se nel 1959 il Giuseppe Pontiggia di La morte in banca prendeva le mosse dal "sogno" del posto fisso per indagare i lati oscuri e le frustrazioni della vita del travet bancario, un libro dal medesimo titolo pubblicato oggi presenterebbe scenari ancora più inquietanti, non potendosi più ancorare in nessun modo a un mito di sicurezza e stabilità ormai tramontato. A dieci anni dal collasso finanziario più grave dal dopoguerra, il bilancio delle banche italiane registra preoccupanti indicazioni rispetto all'occupazione:…...
Read More

AGILE: La nuova sfida del manufacturing

Da qualche tempo sentiamo parlare di agile manufacturing, evoluzione dei principi lean orientata a unire all'efficienza produttiva un potenziamento della capacità di rispondere con prontezza e flessibilità ai bisogni del mercato. Per essere insieme lean e agili è necessario "alzare la testa" rispetto all'operatività e saper alimentare con sollecitudine conversazioni aperte con tutti i propri stakeholder. Rob Austin e Lee Devin, studiosi americani autori del testo Artful Making, hanno descritto questa capacità facendo riferimento a un particolare tipo di organizzazione,…...
Read More

Un valore aggiunto per tutta l’organizzazione

Nelle librerie ci sono interi scaffali di testi sulla gestione ottimale dei team, per non parlare di molti corsi nelle business school. Esistono programmi di formazione, riviste e siti web, molti dei quali offrono buoni suggerimenti. E poi c'è il team coaching. Immaginiamo un allenatore che allena un atleta di alto livello con un approccio di coaching individuale, ad esempio un campione di nuoto, e quindi immaginiamo un altro allenatore che accompagna una squadra di atleti, come il basket. Questi…...
Read More

LEGO® SERIOUS PLAY, uno strumento di ascolto

La figura del leader sta subendo da qualche tempo una profonda trasformazione. Il leader non può più essere assimilato a colui che dal vertice della scala gerarchica impone le decisioni al resto della popolazione aziendale. Al contrario, oggi è leader colui che sa porsi in ascolto per raccogliere spunti, idee, visioni dalle proprie persone e insieme ad esse condividere una strategia per affrontare le sfide del futuro. Quali strumenti manager e dirigenti hanno a disposizione per esercitare l’ascolto e dare…...
Read More

Jugaad, l’approccio indiano all’innovazione

“Le organizzazioni sono perfettamente strutturate per rispondere al cambiamento. Il reparto ricerca e sviluppo e il suo manipolo di esperti, sebbene al costo di un sostanzioso investimento, assolve autonomamente alle esigenze di rinnovamento imposte dal mercato”. Parole come queste potevano forse essere pronunciate a ragione qualche anno fa, riferendosi a un cambiamento lineare, in qualche modo prevedibile, e, secondo i migliori auspici, governabile. Oggi, rivoluzione tecnologia e crisi finanziaria impongono modelli più agili, rapidi ed economici a tutte le imprese…...
Read More

Abitare la complessità è attraversare i confini

Quando è nata Trivioquadrivio, ventidue anni fa, il posto in banca veniva considerato una garanzia. Chiunque avesse ambito a una carriera sicura, al riparo dai rovesci temporanei dell’economia, si sarebbe potuto rivolgere con fiducia al servizio assunzioni di un qualsiasi istituto di credito e, con un po’ di fortuna, si sarebbe garantito un impiego di tutto rispetto, vita natural durante. Scatti di carriera automatici, nessuna preoccupazione per il futuro, accesso al credito e massima sicurezza. Poi, qualcosa è andato storto.…...
Read More

Smart working: perché cambiare è un percorso

Non è cosa nuova che le imprese aspirino, in un modo o nell'altro, a diventare più "smart". Le più avvedute fra esse sanno bene che non si tratta tanto di definire una rotta per giungere a una destinazione predefinita, quanto di intraprendere un percorso di trasformazione destinato a non avere fine. La capacità di cambiare, cioè saper continuare a disimparare e imparare cose nuove è dunque fondamentale. Ma essere smart oggi significa soprattutto saper rileggere i rapporti professionali all'insegna di…...
Read More

Rinnovare gli strumenti per pianificare la strategia

Tutti i manager sanno che c’è una netta differenza tra grandi piani e grandi performance e sanno anche che una parte non trascurabile del valore delle strategie non si concretizza, non tanto per incapacità di implementazione, ma proprio perché il piano, in molti casi, risulta inadeguato sin dall’inizio. Quello che Gorge Box, pioniere del controllo della qualità dei processi, diceva dei modelli, “sono tutti sbagliati, anche se qualcuno è utile”, può essere detto delle strategie. Pianificare è utile e necessario,…...
Read More

Comunicazione interna a sostegno del cambiamento

Affinché un processo di change management possa risultare proficuo tanto per l’azienda, quanto per le persone che la abitano, la comunicazione interna riveste sempre un ruolo fondamentale qualunque sia la trasformazione in atto, di tipo strutturale, strategico, culturale. Stabilire e attuare con il giusto anticipo un piano di change management e comunicazione interna è uno degli strumenti che permettono di avvicinare la popolazione aziendale a ciò che è stato programmato per il futuro, ponendo le premesse per un cambiamento di…...
Read More