Trasformazione digitale, granito e scope

Pietre di granito e scope. Chi non ha mai sentito parlare del curling, sport affascinante ormai stabilmente inserito nei programmi delle Olimpiadi Invernali? Dal punto di vista tecnico, si basa sullo sfregamento fra il ghiaccio e una pietra di 20 chilogrammi fatta scivolare in modo che si arresti il più vicino possibile al centro di un bersaglio disegnato sul ghiaccio. Un giocatore spinge la pietra levigata di granito sulla pista ghiacciata, e altri corrono sul campo di gara precedendola di…...
Read More

Integrare l’azione organizzativa per sostenere il cambiamento

Uno dei modi migliori per favorire il successo di un percorso di cambiamento è un lavoro attento e costante di integrazione tra le diverse dimensioni dell’azione organizzativa: - la costruzione di una visione e la definizione degli obiettivi; - la condivisione e l’appropriazione da parte dei team; - il rinnovo di un patto di collaborazione che determini, alla luce delle nuove condizioni di contesto, i comportamenti da adottare e quelli da abbandonare. Per prevenire il disorientamento, le resistenze e la…...
Read More

Appreciative Inquiry:
le domande positive che sviluppano l’organizzazione

Molte sono le metafore di cui ci serviamo per provare a spostare la nostra attenzione dagli aspetti negativi di una situazione a quelli positivi. La più popolare è quella del bicchiere mezzo vuoto che con piccolo sforzo può diventare mezzo pieno, seguita a ruota dall'espressione anglosassone "silver linings”, di solito tradotta in italiano come "lato positivo". In Trivioquadrivio amiamo queste metafore perché, nella loro apparente semplicità, operano un ribaltamento percettivo tutt'altro che banale o privo di fatica. Un re-incorniciamento della…...
Read More

Cambiare come condizione necessaria

Ogni volta che un verbo si trasforma in sostantivo, sospettare diviene doveroso. La nostra vita, soprattutto quella professionale, si anima nelle azioni e si arena sugli oggetti. I sostantivi sono come i fossili: interessanti, eloquenti, privi di vita. Non fa eccezione la parola “cambiamento”. Essa rimanda a un intero universo di azioni organizzative che divengono praticabili alla sola condizione di recuperarne la vitalità originaria. All’impresa che intende rinnovare il proprio valore, occorre interpretare correttamente il “cambiamento”, non evento da fronteggiare,…...
Read More

Focus sui manager, “cuore” del cambiamento smart

Se siete interessati a nuove modalità di lavoro e smart working, è molto probabile che vi siate già imbattuti nel caso della società neozelandese Perpetual Guardian, salita agli onori della cronaca per l'adozione di una settimana lavorativa da quattro giorni. I risultati? Lo stress è sceso, la percezione di un buon work-life balance è cresciuta, la produttività è rimasta immutata. Il caso Perpetual Guardian "fa notizia", ma fino a un certo punto: le sperimentazioni sulla flessibilità temporale sono ormai numerose,…...
Read More

Raccontare il cambiamento

In qualsiasi percorso di cambiamento, la scelta di attribuire senso e finalità al nuovo verso cui ci si dispone  è  strettamente  legata  all’opportunità  di  un  confronto  con una  narrazione  che  funzioni come  collante  ed  elemento  di  motivazione.  A  proposito  di  spinta  al  cambiamento  e  delle  sue diverse  componenti,  esiste  un'efficace  immagine  per  analizzarla  popolarizzata  dallo  psicologo Jonathan Haidt nel libro Felicità: un’ipotesi (2008). Spesso,  soprattutto  in  ambito  lavorativo,  pensiamo  di  poterci  rivolgere  unicamente  alla  nostra razionalità, resa in metafora da…...
Read More

Complicato e complesso, una distinzione fondamentale

Quando siamo di fronte a problemi complicati, ci troviamo in un contesto in cui alcune cose sono note e altre ancora no. Nodo dopo nodo per districare il gomitolo, la strategia migliore è l’analisi, scomporre l’intero in elementi più semplici e, una volta trovata, applicare la giusta soluzione affinando man mano la tecnica. Quando all’inizio del secolo scorso Henry Ford decise di popolare i vialetti delle case americane con le sue automobili nere, doveva fronteggiare un problema complicato: abbattere drasticamente…...
Read More

La tecnologia abilita,
la cultura trasforma

A partire dalla fine degli anni Novanta si è voluto credere che la rapidità dei mutamenti tecnologici rendesse possibile rovesciare il corso dell’evoluzione: si è trattato di un errore. Finalmente è divenuto impossibile parlare di rivoluzione digitale senza ricordare che le rivoluzioni, quelle vere, sono innescate dalla cultura, non dalla tecnologia. Per lunghi anni le imprese hanno offerto credito (e montagne di denaro) alle società di consulenza che spacciavano intranet, community e social network aziendali come la soluzione a ogni…...
Read More

La vera rivoluzione del change management? Superare il problem solving

È abitudine consolidata, nella stragrande maggioranza delle pratiche di cambiamento aziendale, concentrarsi anzitutto sugli elementi dell'organizzazione attuale percepiti come più distanti dal risultato futuro cui si intende volgersi. In questo modo, il presente viene considerato come un mero oggetto di un'attività di problem solving: «concentriamoci su quello che non va, per cambiarlo». E se esistesse un altro approccio? Questa domanda deve certamente aver animato le discussioni che verso la fine degli anni ’80 si sono sviluppate all'interno del dipartimento di comportamento…...
Read More

Punti cardinali per instillare il cambiamento

Oggi sono tanti i cambiamenti strategici in corso nel mondo delle organizzazioni d’impresa. Certamente, bisogna riconoscere la forza e il senso del “change”, ma al tempo stesso conviene non farsi convincere che la grande onda del change management, spesso amplificata dalle possibilità digitali, possa diventare anche “creatrice” di valore e profitti. Perché spesso le aziende non riescono a eseguire coerentemente le loro strategie di change management, di frequente combinate con ambiziose trasformazioni digitali? Quasi sempre, la ragione è che i…...
Read More