“Le organizzazioni sono perfettamente strutturate per rispondere al cambiamento. Il reparto ricerca e sviluppo e il suo manipolo di esperti, sebbene al costo di un sostanzioso investimento, assolve autonomamente alle esigenze di rinnovamento imposte dal mercato”.
Parole come queste potevano forse essere pronunciate a ragione qualche anno fa, riferendosi a un cambiamento lineare, in qualche modo prevedibile, e, secondo i migliori auspici, governabile. Oggi, rivoluzione tecnologia e crisi finanziaria impongono modelli più agili, rapidi ed economici a tutte le imprese che vogliono fare dell’innovazione il proprio fattore critico di successo.
Quando le risorse scarseggiano, una proverbiale ma controintuitiva saggezza suggerisce di cercare le soluzioni più ingegnose nei contesti meno confortevoli. La cultura indiana ha messo a punto una millenaria strategia di sopravvivenza volta in questa direzione. Riassunta nella parola Jugaad, pressoché intraducibile in italiano, l’arte di ingegnarsi per sopperire alla mancanza di risorse rappresenta bene la soluzione indiana all’innovazione.

Jugaad Innovation è il fortunato saggio dei tre autori Navi Radjiou, Jaideep Prabhu e Simone Ahuja che racconta i risultati più interessanti di questo modello e offre un approccio per sfruttare al meglio le potenzialità di contesto finora trascurate, reinterpretando le risorse a disposizione per fare innovazione in modo frugale.

Piuttosto che crogiolarsi in un malinconico desiderio di ripristino di condizioni non più ottenibili, imprese e manager possono mutuare gli espedienti di chi innova con successo nelle società emergenti, facendo i conti con fenomeni imprevedibili e complessi.

L’approccio frugale all’innovazione mira a trasformare ciascun addetto dell’organizzazione in un potenziale creatore di soluzioni valorizzando quello che ogni direzione aziendale descrive come il proprio asset principale: le persone. Come si fa? Distribuendo democraticamente la responsabilità dell’innovazione fra tutti i propri addetti, garantendo una certa libertà di movimento all’interno dei confini organizzativi e alimentandone la capacità di trasformare con ingegno la scarsità di mezzi in abbondanza di opportunità.

Dal 2014 Trivioquadrivio studia e applica i principi dell’innovazione jugaad, aiutando le aziende a sviluppare creatività e iniziativa di manager e collaboratori. Se sei interessato a diffondere l’innovazione jugaad all’interno della tua organizzazione, clicca qui o contattaci.