Ciò che ci ha spinto nel 2008 a progettare la metodologia MAPPS® è stata la consapevolezza di quanto nelle organizzazioni d’impresa il disorientamento possa rivelarsi letale.

La complessità degli scenari competitivi ha reso inservibili i modelli organizzativi classici e ha negato alla cultura manageriale gli strumenti di governance più tradizionali. Senza riferimenti adeguati l’azione organizzativa diventa inefficace e insieme alla rotta si perdono istantaneamente impegno, determinazione e, soprattutto, la disponibilità ad assumersi responsabilità.

Abbiamo allora messo a punto uno strumento per disegnare, condividere e realizzare i piani di cambiamento trasformando la strategia nell’oggetto stesso del lavoro di ogni addetto dell’organizzazione. Un dispositivo organizzativo che rinnovasse la coappartenenza di progetto ed esecuzione facilitando l’espressione e l’integrazione dei contributi individuali al raggiungimento degli obiettivi collettivi.

Una mappa ci è parsa la migliore metafora degli strumenti di orientamento necessari a manager e collaboratori per ancorare la propria attività agli obiettivi strategici dell’organizzazione per cui lavorano. È nata così una metodologia di sviluppo organizzativo che sfrutta le metafore geografiche e la nostra innata predisposizione all’esplorazione per trasformare le sfide di cambiamento in un itinerario di viaggio.

Gli esercizi di “cartografia organizzativa” chiamano i partecipanti a interpretare lo scenario organizzativo per disegnare una roadmap che guidi il raggiungimento degli obiettivi.

Intervenendo contemporaneamente su tre diversi livelli dell’organizzazione, MAPPS® garantisce il coordinamento delle istanze e prospettive individuali con gli intenti strategici dell’azienda. L’applicazione della metodologia offre infatti alle persone i mezzi per capire dove dirigersi e come arrivarci, fornisce ai gruppi una piattaforma di scambio costruttivo e di collaborazione, offre all’organizzazione gli strumenti per orientare le azioni di tutti nella direzione del cambiamento richiesto dal mercato, abbattendo la dispersione di energia causata da comportamenti disordinati.

Dopo dieci anni di sperimentazione e applicazione ai contesti organizzativi italiani e internazionali, il 25 e il 26 di giugno si terrà in Trivioquadrivio la prima sessione di formazione per diventare facilitatori certificati MAPPS®. Il corso è finalizzato a impadronirsi dei presupposti teorici del metodo, acquisire gli strumenti progettuali e sperimentare le dinamiche pratiche di conduzione di un workshop.

Clicca qui per scoprire come funziona la metodologia o contattaci per maggiori informazioni e per iscriverti al corso.