Lavorare a distanza: è ora di iniziare a farlo bene

L’impegno di Trivioquadrivio per lo sviluppo delle pratiche di collaborazione è da 25 anni guidato da un chiaro progetto: leggere criticamente il “come ora” (vale a dire le routine e le prassi reiterate più per abitudine e comodità che per reale efficacia) per dare forma al “come poi”, cioè un futuro del lavoro orientato allo sviluppo dell’ingegnosità collettiva.

Per questo, rispetto allo specifico – e oggi molto frequentato – ambito del lavoro a distanza, riteniamo sia opportuno smarcarsi dal vano tentativo di simulare dinamiche tipiche del confronto in presenza per porsi una domanda dai più disertata: che cosa si può fare meglio a distanza? Da questo approccio nasce il nostro lavoro di ricerca sulle modalità di interazione da remoto, che si declina nella valorizzazione di tre principi che atterrano su altrettanti, specifici strumenti di lavoro. Ognuno di essi contribuisce a raggiungere l’obiettivo di “legalizzare” la complessità che il lavoro a distanza dispone innanzi a noi. Questi strumenti sono oggi a disposizione sia in interventi diretti per le aziende che in percorsi di apprendimento per i facilitatori che intendono appropriarsene.

Empatia. La comunicazione lavorativa a distanza è spesso fredda, distratta e dispersiva. Gli strumenti a oggi messi in campo dalla maggior parte delle organizzazioni non sfruttano la peculiare “intimità relazionale” che il confronto a distanza, soprattutto se valorizzato nel suo lato immaginifico, può portare con sé. Per questo abbiamo messo l’empatia al centro e sviluppato uno strumento di confronto pensato per brevi riunioni, focus group e brain-storming che ha l’obiettivo di “riscaldare” la relazione e valorizzare l’ingegnosità che naturalmente anima ogni gruppo di lavoro. Si chiama Bricks for Meetings, è basato sui principi del pensare con le mani e fa uso di mattoncini Lego®. Scopri come funziona.

Gli appuntamenti sugli strumenti per allenare l’empatia:
Allineamento. Il lavoro a distanza rende apparentemente più arduo il ruolo di orientamento e abilitazione di chi deve guidare le proprie risorse in modo coeso ed efficace. La distanza offre tuttavia, se adeguatamente abitata, l’opportunità di una visione di insieme più ampia che facilita l’interazione fra diversi contributi in relazione a un piano di azione condiviso. Crediamo che la metafora geografica possa essere di grande aiuto in questo processo ed è grazie a essa che abbiamo messo a punto Roadmapps, il cui fine è strutturare un processo di pianificazione condivisa che garantisca la continuità dei punti di riferimento operativi necessari per guidare e coordinare un gruppo di lavoro a distanza. Scopri come funziona.
Gli appuntamenti sugli strumenti per allinearsi in modo più efficace:

Appropriazione. Se agito a distanza, il confronto in gruppo legato a temi di cambiamento organizzativo rischia di essere poco inclusivo, compromissorio e in ultima analisi eccessivamente semplificante. L’opportunità di piena e libera valorizzazione del pensiero individuale, inserito in una logica condivisa, è una dinamica di legalizzazione della complessità che a oggi sfugge a molti. Il nostro Business Change Board® – Digital Edition è un coinvolgente strumento – immaginato come un “board game” digitale – pensato per lavorare sulle percezioni individuali e collettive del cambiamento in corso, costruendo passo dopo passo una strategia di appropriazione che abbatte le resistenze e si sostanzia in piani di azione concreti e immediatamente praticabili. Scopri come funziona.

Gli appuntamenti sugli strumenti per allenare la capacità di appropriazione:

Dall’emporio

Articoli recenti