Rappresentare l’organizzazione per raggiungere gli obiettivi

Utilizzare una mappa è la forma più adeguata per rappresentare un’organizzazione alle prese con le sfide di sviluppo e cambiamento imposte dal contesto attuale. Consultare una mappa ci aiuta a raggiungere una meta attraverso un territorio sconosciuto, ma oltre al suo utilizzo strumentale, essa ricopre anche un importante ruolo simbolico: la mappa è infatti una matrice di senso condivisa che consente a un gruppo di riconoscersi in quanto tale inquadrando le proprie azioni all’intento di un territorio che si percepisce come proprio.  

 

La metodologia MAPPS® applica il linguaggio e le immagini della geografica alle dinamiche di sviluppo dell’organizzazione e del lavoro di gruppo. Attraverso un approccio metaforico che trasforma le sfide del gruppo in un itinerario di viaggio, MAPPS® facilita la comprensione del contesto, la condivisione degli obiettivi e la costruzione collettiva di una strategia efficace. 

 

Il suo nome è la crasi di due termini, Map e Applications, a indicare l’uso rappresentativo della mappa come chiave di lettura delle dinamiche di trasformazione dell’organizzazione. Le mappe vengono infatti utilizzate per raffigurare l’organizzazione, o una sua parte, come un ambiente in cui diversi attori entrano in relazione tra loro dando vita un flusso in cui l’azione collaborativa scorre dalla situazione attuale in direzione degli obiettivi strategici. Il risultato dell’applicazione delle metodologia è un piano d’azione, costruito attraverso il contributo di tutti i membri del gruppo, capace di orientare le singole attività in funzione degli obiettivi condivisi attraverso un contesto organizzativo che ognuno è in grado di interpretare e riconoscere. 

 

Le attività prendono la forma di un percorso sempre inserito e ancorato al quadro di riferimento più ampio dell’ambiente che attraversa. Trasformando metaforicamente il cambiamento in un itinerario di viaggio la metodologia facilita infatti la ricostruzione di uno schema di riferimento comune, spesso compromesso dai mutamenti repentini e radicali che hanno caratterizzato i tempi recenti, ripristinando la possibilità di ancorare le proprie decisioni, anche quelle più operative, agli obiettivi strategici. A differenza di altre rappresentazioni più comuni che ci illudono di poter circoscrivere la nostra responsabilità a una parte del sistema, ragionare in termini di percorso rende più semplice riconoscendo l’impatto del proprio agire sul stime di connessioni e mutue relazioni che generano il valore del lavoro organizzato all’interno dell’impresa.  

 

La metodologia, ideata e sviluppata da Trivioquadrivio più di dieci anni fa, è stata applicata a svariati contesti organizzativi, in Italia e all’estero al fine di supportare il raggiungimento dei risultati favorendo la costruzioni di piani efficaci in grado di generare un’azione più autonoma e responsabile la parte dei gruppi di lavoro. Per approfondire la conoscenza di questo approccio metaforico al cambiamento organizzativo, qui (lin articolo sul libro) trovate un articolo dedicato alla recente pubblicazione dedicata a questa metodologia  “orientare nella complessità. Facilitare il cambiamento organizzativo con la metodologia MAPPS®”

Dall’emporio