Gestisci il tuo impatto attraverso i dati, le persone, una nuova cultura e azioni reali

Le dimensioni sociali, ambientali e di governance rappresentano una priorità per le organizzazioni e il proprio modo di generare valore.

Imprenditori, manager, aziende, istituzioni, pubbliche amministrazioni e enti sono incoraggiati sempre di più a rendere conto dei propri risultati che non sono soltanto di carattere finanziario, in linea con la sensibilità pubblica e l’approccio legislativo.

Raccontare le proprie azioni non è più sufficiente. Occorre una nuova cultura manageriale e un nuovo approccio all’uso dei dati che consentano di innovare la propria realtà lasciandosi guidare dall’impatto.

Le impact driven organisation sono realtà che abilitano un ciclo di vita dell’impatto grazie a dati e strumenti di cultura manageriale che consentono di prendere scelte più consapevoli, rafforzare la sostenibilità e definire con proxy finanziarie il valore non considerato dalle metriche tradizionali.

Scarica la brochure

L’unicità del nostro approccio

Forniamo alle impact driven organisation interventi e strumenti di design e show del proprio impatto basati su Open Impact, la più grande piattaforma italiana dedicata all’impatto basata su un database proprietario.

Il database aggrega e confronta report validati da terze parti e applica algoritmi di intelligenza artificiale per misurare l’impatto sfruttando uno standard flessibile che si riferisce ai benchmark internazionali disponibili (3.087 aree di outcome, 2.626 indicatori, 2.434 proxy finanziarie).

DESIGN YOUR IMPACT

Costruiamo percorsi di sviluppo manageriale data-driven (change management; business process reingeneering), che permette a un gruppo di lavoro di ridisegnare la propria azione organizzativa in funzione dell’impatto che si vuole generare sull’impresa e sui suoi principali impactholder, rendendola in questo modo più focalizzata ed efficace. Generiamo grassroots roadmapping per ottenere una cornice di senso condiviso, all’interno della quale attivare un processo di ascolto reciproco, esercitare la capacità di vedere e anticipare, abilitare un processo decisionale collettivo (ASANABI: ascoltare, anticipare, abilitare).

SUSTAINABLE GOVERNANCE

Sviluppiamo un nuovo approccio manageriale attraverso il change management e la Theory of Change. Abilitiamo la misurazione d’impatto per le organizzazioni con il modello IS² Early Stage e IS² Advanced. Abilitiamo il benchmark grazie a un database di valutazioni d’impatto di progetti internazionali. Ci occupiamo di sustainable governance coinvolgendo le dimensioni organizzative di fiducia, visione a 360º, integrazione tra le funzioni, collaborazione e reciprocità, comunicazione verso l’interno e verso l’esterno, attitudine strategica, sviluppo manageriale, responsabilità e autonomia.

SHOW YOUR IMPACT

Aiutiamo a gestire i temi dell’impatto generato attraverso dashboard personalizzate, contenuti e iniziative a disposizione dei processi di organizzazione e comunicazione. Agiamo sulle dimensioni di strategia, comunicazione interna ed esterna, stakeholder engagement, board induction, committment, sense making, gestione del rischio, autonomia, visioning e collaborazione. Creiamo report sull’impatto delle organizzazioni e dei loro progetti, utilizzando il modello IS², collegandoli ai Sustainable Development Goals (SDGs).

Il podcast

Maggiori informazioni

I criminalizzatori della complessità sono innamorati dei risultati perché trovano irresistibile l’idea che sia possibile mettere le mani su un ottenimento definitivo. Così si sono convinti che una buona organizzazione consista principalmente nel disporre gli sforzi di tutte le persone al raggiungimento dei cosiddetti “risultati attesi”, La parola che meglio di ogni altra svela l’inganno del risultato è la parola IMPATTO: l’impatto non coincide col risultato atteso, lo eccede. L’impatto amplifica il risultato proprio come i cerchi che si propagano nell’acqua moltiplicano le conseguenze del lancio del sasso nello stagno. Per legalizzare la complessità è divenuto urgente misurare quei cerchi.

Che cos’è l’impact driven design